martedì 9 settembre 2008

add as friend

ormai il tempo te lo ruba facebook, che lo dicono tutti che è una specie di droga, e anche se in fondo ti senti sempre un po' in colpa per quest'aura di voyeurismo che circonda tutto quello che fai là dentro alla fine controlli ogni due ore se c'è qualcosa di nuovo.
non so se c'entra l'etica, a dire il vero. probabilmente sì, come quasi sempre accade. di certo c'è che grazie a quest'aggeggio malefico ti riesce di rivedere le facce di gente alla cui faccia oramai avevi smesso di pensare da anni, ti lusinghi di essere stato aggiunto come amico da quel tal dei tali che non avresti detto, scopri cognomi, compleanni e - soprattutto, dico io - amicizie. chi è amico di chi? la curiosità muove gli uomini buoni, il denaro i saggi.

denaro, dicevo. a me mi muove poco e niente, semmai il motore è la di lui assenza, ma questo è un altro discorso. per settembre, prima volta nella vita, ho deciso di appuntarmi le spese. eviterò di fare sub-totali vari, non voglio rovinarmi il gusto di scoprire, il giorno del mio prossimo compleanno, che un mese campione delle mie spese compensa abbondantemente un mese campione delle mie entrate. sarà bellissimo.

in compenso sono in procinto di ricominciare a recensire libri per europa dopo la quasi pausa agostina. vi saprò dire a breve su chi andrò a puntare.

ed evviva le ciambelle (come quella che ho mangiato stasera a chiosa della triste cena in solitaria).

6 commenti:

Anonimo ha detto...

feisbuk è bulissimo. ormai soppianterà sms msnger e compagnia bella. e poi pensa quando conosci qualcuno/a che ti interessa non devi manco più chiedergli il numero, basta il nome, lo add as fiend e poi si vedrà. bulo, no?

Anonimo ha detto...

sì, un po' orwelliano, però...

AleVi ha detto...

non lo trovo tanto bulo in verità. la timidezza avrà pure una ragione di esistere. ma perchè ogni cosa dev'essere sempre più assistita e "facilitata"?. Boh. Comunque Giovà io aspetto Lucarelli, non fare finta di dimenticarti. ciao

Focaia che quasi quasi lavora ha detto...

Stasera io propongo pasta con salmone e rucola per celebrare il mio ritorno nella capitale.Altrimenti si fa la classica salmone e panna, pensaci. Ho pure l'alternativa carbonara pronta. A me facebook inizia a stancare e riprenderei con piacere il blogghe se avessi internet a casa la sera, provvederò se la spesa è sostenibile.

Anonimo ha detto...

se si evitasse il salmone sarei felice, caro injejer. io, tra l'altro, c'avrei un ragù che rischia di scadere. assaggino di pasta al ragù + assaggino di pasta alla carbonara + grappolo d'uva? pensece

filyppo ha detto...

io mischierei tutto.
Uva compresa